• images/FOTO_HOME/01.jpg
  • images/FOTO_HOME/02.jpg
  • images/FOTO_HOME/03.jpg
  • images/FOTO_HOME/04.jpg
  • images/FOTO_HOME/05.jpg
  • images/FOTO_HOME/06.jpg
  • images/FOTO_HOME/07.jpg
  • images/FOTO_HOME/08.jpg
 

La pacchiana

Costume caratteristico usato dalle donne. Formato da una sottoveste di panno: rosso per le maritate, marrone per le nubili e nero per le vedove; da una sopravveste, detta “a gunneddra” rimboccata e annodata dietro in maniera da formare una coda; da un corpetto, meglio conosciuto come “u curzeu”, rivestito di raso nero, chiamato “u jippune” dal quale fuoriesce dalla parte superiore una piccola striscia della sottoveste che spicca a guisa di gallone, sullo sparato della candida camicia ricamata; “u mantisino” anch’esso di raso nero, che copre sul davanti “a gunneddra” dotato di due tasche; un copricapo di panno di lino bianco, stretto e lungo per le ragazze, detto “rituartu”, o di seta nera detto “mannite” usato dalle maritate. Negli anni “u jippune” è stato sostituito “du sc-pensero”, camicia di panno colorata a tinta unita o a fiori.

pacchiana1

foto su lastra fine 800

 

pacchina2

foto su lastra fine 800


pacchiana3

foto anno 2007

a cura di Antonio Mendicino